Elena Tioli

Molte idee, pochi ideali, nessuna ideologia.

Vivere senza supermercato

Dopo una vita da perfetta consumista, dall’acquisto facile e impulsivo, attratta dal superfluo. Ex fumatrice incallita, ex insoddisfatta cronica, ex dipendente a tempo indeterminato. Oggi ambientalista per favorevole congiuntura. Felice.

A gennaio 2015 ho deciso di provare a vivere un anno senza supermercato. Una sfida che mi ha cambiato la vita! Da questa idea un po’ stravagante è nata in me nuova consapevolezza legata ai consumi, ai miei bisogni e al potere che ho come consumatrice. Ma, soprattutto, le mie giornate si sono arricchite di nuove abitudini e di persone eccezionali che mi hanno permesso di cambiare e crescere.

Interagire direttamente con i produttori, scoprire la provenienza e l’origine delle merci, conoscere le conseguenze, personali e globali, di ciò che acquisto e consumo, compiere scelte più consapevoli e responsabili, dare un nuovo valore ai miei gesti e un peso diverso ai miei soldi mi ha portato a modificare radicalmente il mio stile di vita e il mio modo di pensare e agire. Guadagnandoci in soldi, salute, relazioni e tempo. Vivere senza supermercato si è trasformata così nell’esperienza più positiva e umanamente arricchente che mi sia mai capitata.

Da questa esperienza è nato il libro Vivere senza supermercato (ed. Terra Nuova, 2017), il sito www.viveresenzasupermercato.it e un lungo viaggio tra presentazioni e incontri in giro per l’Italia.


Qui travate alcuni articoli usciti sulla mia esperienza e qui potete vedere una delle interviste che mi sono state fatte e che raccontano la mia quotidianità.